a cura di Aldo Giannetti

Protettori Protettori 1685 pag1 p

Protettori 1685 - Archivio di Contrada

Nel 1700 la figura del protettore all'interno della Contrada era ben diversa dall'attuale, in quel tempo venivano scelti tra i componenti del popolo, quelli che avevano un alto grado sociale, un'autorità rilevante nella città oppure notabili o nobili. Generalmente venivano nominati nelle adunanze di Consiglio. Il loro compito era quello di sostenere sia con il prestigio, ma soprattutto finanziariamente, la Contrada da ogni necessità o esigenza.

All'inizio il loro numero variava tra i sei e gli otto componenti, successivamente all'inizio del 1800 andò progressivamente aumentando, dato che le esigenze ed i bisogni erano sempre maggiori. Nel 1728 furono istituiti due tipi di protettori, quelli della Chiesa e quelli della Corsa.

Questi ultimi versavano il loro contributo solamente nell'occasione della partecipazione alla corsa del Palio.

Protettori Sonetto ai Protettori 1839 p

Sonetto ai Protettori 1839 - Archivio di Contrada

Il Bando di Violante di Baviera del 1729, testimonia l'importanza di questa figura, e stabilisce che agli abitatori di ciascuna contrada venisse riservata la facoltà di eleggere i propri nobili protettori anche fra gli abitanti fuori le mura.

Tenevano i rapporti con le autorità cittadine, anche più degli On.di Priori e dei Capitani, manifestando loro i problemi ed i bisogni della Contrada; prendevano parte agli affari della stessa, e spesso veniva concesso loro l'onore di presiedere qualche adunanza di Consiglio. Data la loro importanza, erano ritenuti responsabili del comportamento dei contradaioli di fronte alle autorità ed al Governo della città, presso le quali avevano funzioni di rappresentanza, e dovevano anche rappresentare la propria contrada in caso di controversie tra le consorelle.

Protettori Note Storiche p

Note Storiche - Archivio di Contrada

Sostenevano le spese per l'allestimento dei carri allegorici e delle livree della comparsa, e spesso i monturati avevano l'onore di sfilare per la città con i loro stemmi araldici, accompagnandoli perfino sul campo, ed in cambio del loro patronato i protettori a volte ritiravano pure i premi delle carriere vinte. Si avvalevano della loro autorità per risolvere dissidi, o conciliare contese o contrasti. I protettori richiedevano privilegi e concessioni per gli oratori delle proprie Contrade alle Autorità Ecclesiastiche, offrivano doni per l'arredo della Sede Museale e della Chiesa e le arricchivano e le rendevano più belle a proprie spese.

Nella prima metà del 1800, al momento della nomina, o "Solennizzandosi con devota pompa l'annua festa di Maria Santissima del Buon Consiglio", veniva consegnato al proprio nobile ed illustrissimo protettore, un particolare sonetto o una ode stampati su seta o pergamena, nella quale era impresso il suo nome in oro o in lettere maiuscole. Negli anni successivi veniva loro donato un mazzo di fiori di carta con un fiore dei colori della contrada, mentre i nuovi protettori ricevevano un mazzo con fiori in carta migliore o seta con in mezzo un piccolo emblema dell'animale della Contrada, scolpito in legno.

Protettori Vecchio Paggio p

Vecchio Paggio - Archivio di Contrada

All'inizio del XIX secolo, dato il forte numero di protettori, questa usanza cessò e fu sostituita dal dono di una piccola pubblicazione di poche pagine con le notizie storiche del proprio rione, oppure con una riproduzione litografica del paggio maggiore della comparsa, che veniva donata al nuovo protettore. Al momento della morte, data la loro rilevante importanza, la Contrada partecipava in maniera solenne alle onoranze funebri, il feretro era circondato da quattro contradaioli con in mano gli staggioli, aste di legno recanti la scritta "protettore" con il simbolo ed i colori della contrada.

Protettori Sonetto 1840 p

Sonetto ai Protettori 1840 - Archivio di Contrada

Oggi, al momento della nascita, tutti diventano automaticamente protettori, la Contrada li accoglie inviando un piccolo omaggio con il saluto di benvenuto, successivamente in occasione della Festa Titolare, viene celebrato il battesimo contradaiolo con la consegna del fazzoletto rosa e di una pergamena. Il primo vero protettore è il contradaiolo e non si è veri contradaioli se non si è anche protettori. Costui versa annualmente una quota di protettorato, che sarà diversa come importo a seconda della propria disponibilità e dei vari ruoli che andrà a ricoprire nella Contrada. Essere protettore non si esaurisce con il sostegno finanziario, ma deve dar vita ad un coinvolgimento che affini il sentirsi contradaiolo e porti all'impegno con tutte le proprie risorse, di intelligenza, di creatività, di sensibilità e di senso di fratellanza.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se accedi a qualunque elemento di questo sito acconsenti implicitamente all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sull’uso dei cookie

 

Nel rispetto della legge sulla Privacy, Art. 13 d.lgs. 196/2003 - Codice privacy, si informano i visitatori del nostro sito www.valdimontone.it sulle tipologie di cookie che vengono utilizzate, come deciso da provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" dell'8 maggio 2014 del Garante della Privacy.

 

 

Tipologie di cookie

 

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale, solitamente al browser. I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.

 

I cookie possono essere distinti in funzione del loro utilizzo:

 

Cookie tecnici – Sono cookie essenziali al corretto funzionamento del sito.Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, la gestione del profilo dell’utente, oppure di autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (permettendo, ad esempio, la gestione della lingua scelta per la navigazione) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

 

Cookie di profilazione – Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze manifestate dall’utente nell'ambito della navigazione in rete per migliorare la sua esperienza di navigazione e per inviare messaggi pubblicitari.

 

In base al soggetto che installa i cookie:

 

Cookie proprietari – Sono cookie trasmessi direttamente dal gestore del sito.

 

Cookie di terze parti – Sono cookie trasmessi da siti esterni tramite il sito. Un esempio di cookie gestiti da terze parti è rappresentato dalla presenza dei social plugin (per Facebook, Twitter, Google+), ossia di parti della pagina generate direttamente da siti esterni ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

 

La distinzione tra i due soggetti proprietari deve essere tenuta in debito conto al fine di individuare correttamente i rispettivi ruoli e le rispettive responsabilità con riferimento al rilascio dell'informativa e all'acquisizione del consenso degli utenti online. Il sito che ospita cookie di terze parti è da considerarsi un intermediario tecnico che deve informare gli utenti sulla presenza di tali cookie e dare opportune indicazioni su come gestirli.

 

In base alla durata:


Cookie di sessione – Sono cookie che al termine della sessione di navigazione, ossia alla chiusura del browser, scadono e normalmente sono eliminati. Generalmente sono cookie tecnici.

 

Cookie permanenti – Sono cookie persistiti sul terminale dell’utente successivamente alla chiusura della sessione del browser. Generalmente sono cookie di profilazione.

 

 

Cookie utilizzati dal sito

 

Cookie tecnici di navigazione di proprietà del sito.


Cookie di Google Analytics per un’analisi del traffico web: si tratta di cookie di terze parti (di Google) che vengono raccolti e gestiti in modo anonimo a fini statistici per monitorare e migliorare le prestazioni del sito. Per ulteriori informazioni si veda Google Privacy e Termini, mentre per disabilitare Google Analytics Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

 

Cookie relativi ai Google Fonts per l’utilizzo di librerie tipografiche messe a disposizione da Google. Per ulteriori informazioni si veda Google Privacy e Termini.

 

Cookie di Facebook, di Twitter, di Youtube, di Google+. Il sito utilizza social plugin o embedded content di tali siti che possono inviare cookie. Si tratta pertanto di cookie di terze parti: il nostro sito non può controllare direttamente questi cookie, invitiamo perciò a prendere visione della specifica informativa, rispettivamente, su https://www.facebook.com/help/cookies/https://twitter.com/privacy?lang=itGoogle Privacy e Termini.

 

 

Come modificare le preferenze del browser

 

L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. La maggior parte dei browser permette di impostare delle regole per gestire i cookie inviati solo da alcuni o da tutti i siti, opzione che offre agli utenti un controllo più preciso della privacy e di negare la possibilità di ricezione dei cookie stessi. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie sui principali browser:

Chrome

Firefox

Internet Explorer

Opera

Safari