a cura di Aldo Giannetti

Come notiamo in questo secolo si ha un curioso uso alternativo dei colori nel giubbetto del fantino, ma la stessa cosa non succede nei finimenti del cavallo e della spennacchiera, che restano sempre ripartiti nei nostri tre colori. All’inizio del 1800, nei giubbetti indossati in piazza dai fantini, regna la massima confusione, molto spesso non si richiamano ai colori delle rispettive contrade, in quanto essi vestivano senza decoro ed a loro piacimento, soprattutto per il divertimento ed il capriccio dei rispettivi capitani.La storia del giubbetto rosa della nostra contrada nasce da molto lontano, quasi sicuramente nel 1660.

All’inizio delle carriere alla tonda, il nostro fantino vestiva di un color gridellino (delicato colore lilla, di una tonalità intermedia tra il grigio ed il rosa).
Nel palio del 2 luglio 1694, si hanno notizie che il fantino vestiva di una casacca incarnata (colore rosa, simile a quello della carne giovane e sana, ed anche di un certo tipo di colore di marmo). Nel palio del 2 luglio 1714, indossava una casacca avvinata (colore rosso, che ha una sfumatura simile alla tinta del vino). Nei palii del 5 luglio 1750 e del 4 luglio 1751 il fantino della Contrada della Valle di Montone vestiva di nuovo di un color incarnato, con ariete sulle spalle; il cavallo aveva testiera rossa e penne di colore rosso bianco e giallo. Il 16 agosto 1770 il nostro fantino è descritto con veste carnicina, con nastri dei medesimi colori e stemma sulle spalle; spennacchiera sempre nei colori rossa bianca e gialla. Nei manoscritti dell’epoca nella descrizione dei colori della spennacchiera, si evidenzia sempre i colori rosso, bianco e giallo, mai abbiamo trovato documenti con la dicitura listata di bianco, è presumibile che già in quei tempi, il bianco riportato in maggiore quantità, avesse permesso di riconoscere meglio la nostra contrada, nell’eventualità di una carriera con il cavallo scosso.

Durante la corsa del palio, sovente accadevano degli spiacevoli incidenti con la contrada della Chiocciola, in quanto in quel periodo i colori dei due fantini ambedue rossi e gialli, variavano solo per le filettature blu da una parte e bianche dall’altra, rendendo difficoltoso dalla piazza il distinguersi degli stessi.
Nella Notificazione del 10 agosto del 1830 viene stabilito in modo definitivo la foggia ed i colori del vestiario dei fantini durante la corsa del palio, colori che saranno da questo momento quelli ufficiali delle contrade.

Questa comunicazione fa riferimento ad un campione offerto dai Sig. Celio Perini Brancadori e Luigi Romualdi, Deputati alla Festa, e conservato in Palazzo Pubblico. Si tratta di una tavoletta in legno nella quale sono dipinti i 17 fantini, recante in alto l’iscrizione: “Campione del vestiario dei fantini delle contrade di Siena da praticarsi nella corsa dei cavalli che si eseguisce nella piazza del campo”.

In sostanza la nostra contrada viene intimata di far indossare un giubbetto rosso e giallo a strisce e sterzato, tanto nel giubbino, quanto nei calzoni, cioè alternato come le altre contrade ad eccezione di Aquila, Nicchio e Torre le quali indossano un giubbino a colore unito.
La questione però non si esaurisce qui, i montonaioli evidenziano al Magistrato Civico la giusta causa che impedisce il distinguere con chiarezza durante la corsa il giubbetto della propria contrada.

Per evitare questa controversia dopo la corsa del 16 agosto 1833, fu deliberato dall’Amministrazione Civica, con i Signori del Brio ed i rappresentanti delle 17 contrade, che dal 1834 (il montone non corse mai in quel anno), il fantino del montone venisse ad indossare il giubbetto ed i pantaloni rosa pesco con mostre (rifiniture o risvolti) rosse bianche e gialle, come la bandiera della contrada, e pure lo zucchino dei colori rosso bianco e giallo. Sarà di stretto rigore di far dipingere nel giubbino del Palio, l’animale raffigurante l’effige della Contrada più o meno coronata; tale deliberazione fu approvata il 1 settembre 1833 dai Signori Magnifici Capitani delle Contrade, dalla Deputazione dei Signori del Brio e dall’Amministrazione Comunale.
La nostra contrada conserva nel proprio archivio storico un lettera, inviata dal gonfaloniere Placidi e dal deputato ai pubblici spettacoli Cosatti all’allora priore Orazio Sansedoni:

“Sig. Priore della Contrada di Val di Montone
Non Ostante,che dal campione del Vestiaro dei Fantini delle Contrade, da praticarsi in occasione delle carriere solite farsi in questa Piazza del Campo, riformato dai Sigg. Deputati ai Pubblici Spettacoli nel 1830 esistente in questa Comunità, si rilevi che i Vestiarj stessi devono essere a colori sterzati a sdrisce, tanto nel Giubbino, quanto nei Calzoni, e non di un solo colore, pur tuttavia riconoscendo la giusta causa che impedisce il distinguere con chiarezza quello destinato a rappresentare in simili circostanze cotesta Contrada, viene accordata alla medesima la facoltà domandata con Sua Istanza del 17 Andante, cioè di far vestire nel tratto Successivo il Fantino di color di Rosa, beninteso peraltro, che venga guarnito il Vestiario predetto in elegante modo degl’altri colori che compongono la Bandiera della di Lei Contrada, sottoponendo all’approvazione dei Sigg. Deputati ai Pubblici Spettacoli, tutte le volte che dai medesimi venisse richiesto a scanzo d’inconvenienti.

Ella parteciperà tale soluzione ai componenti la Contrada da V.S. rappresentata per l’esatto adempimento, conservando la presente nell’Archivio della stessa per istruzione, e regole d’ognuno, e con distinta stima passiamo a dichiararci.
Di V.S. Siena, Dal Palazzo della Comunità Civica, Li’ 20 Giugno 1835.
Devotissimi obbligati Servitori Domenico Placidi Gonfaloniere, Giovanni Cosatti Priore Deputato”.
In questa lettera si fa riferimento al campione del 1830 ed al fatto che i vestiari dei fantini devono essere tutti a sdrisce e non di un solo colore, colore che viene, tuttavia, accordato anche alla nostra contrada per le ragioni che abbiamo descritto: il Montone è rosa, mentre avrebbe dovuto essere a ”sdrisce”, da un attenta osservazione si può notare che il modello del fantino della nostra contrada raffigurato nella tavoletta è stato ridipinto, molto probabilmente dopo il 1835. Da questa data in poi, il nostro fantino ha indosso giubbetto e pantaloni rosa, di una tonalità più o meno accesa a secondo dei tipi di stoffa reperiti durante gli anni ed usati per la realizzazione, da notare anche che dal palio del 2 luglio 1946 fu inserita una bordatura bianca all’orlo dei pantaloni.

Nel 1973 il sottoscritto, in seguito all’approvazione del Capitano dell’epoca Sig Ezio Cortecci, prendendo spunto dalla bordatura del disegno dei nuovi fazzoletti rosa, apportò delle modifiche aggiungendo una merlatura o greca gialla all’intorno sul fondo schiena a bordare la parte bassa del giubbetto, modificando con lo stesso motivo i polsini gialli nelle maniche e la bordatura bianca sul fondo dei pantaloni, lasciando sempre nella parte esterna degli stessi una banda fina gialla.

Sul davanti fa spicco una larga fascia gialla, filettata di bianco ai due lati esterni in coincidenza con la parte rosa. Va ricordato inoltre che dal 1922 fino al 1925 forse per la mancata reperibilità della stoffa o per sfizio di qualche dirigente dell’epoca, la fascia gialla fu sostituita con una rossa, ma presumibilmente il rosso ed il rosa non accostandosi cromaticamente bene, fece cambiare idea e si ritornò definitivamente al giallo.

Per quanto riguarda i copricapi, per le prove il nostro fantino indossa un berretto a forma di goliardo rosso con filettature gialle e penna bianca. Per la corsa del palio, invece calza uno zucchino, prima realizzato in lamiera, e successivamente alla fine degli anni 1980 realizzato in vetroresina.

Questo caratteristico copricapo è usato per difendersi dai colpi del nerbo dei fantini delle altre contrade e soprattutto per proteggersi il capo nelle eventuali cadute sul tufo della pista.

Sempre nel 1973 il motivo a merli unitamente ad una stella dentro un cerchio dentato, inserii nei sei spicchi dello zucchino, intercambiando i colori dall’alto e dal basso, in modo che in ognuno di essi fosse rappresentato il rosso il bianco ed il giallo, colori che identificano la contrada. Negli anni a seguire, sempre mantenendo la stessa proporzione nei colori dello zucchino, ha variato con diversi motivi il disegno dello stesso, pur mantenendo sempre nelle orecchielle la merlatura o greca rovesciata, modello caratteristico solo per la nostra contrada.
Anche se i colori nell’emblema del Valdimontone sono il rosso ed giallo con liste bianche, il nostro zucchino, salvo rarissime eccezioni durante il secolo passato, è sempre stato suddiviso in sei spicchi, rosso bianco e giallo rigorosamente ripartiti in parti uguali, unitamente alla spennacchiera, segnale distintivo che il cavallo reca in fronte, anch’essa equamente divisa nei colori rosso bianco e giallo in parti uguali.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se accedi a qualunque elemento di questo sito acconsenti implicitamente all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sull’uso dei cookie

 

Nel rispetto della legge sulla Privacy, Art. 13 d.lgs. 196/2003 - Codice privacy, si informano i visitatori del nostro sito www.valdimontone.it sulle tipologie di cookie che vengono utilizzate, come deciso da provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" dell'8 maggio 2014 del Garante della Privacy.

 

 

Tipologie di cookie

 

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale, solitamente al browser. I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.

 

I cookie possono essere distinti in funzione del loro utilizzo:

 

Cookie tecnici – Sono cookie essenziali al corretto funzionamento del sito.Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, la gestione del profilo dell’utente, oppure di autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (permettendo, ad esempio, la gestione della lingua scelta per la navigazione) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

 

Cookie di profilazione – Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze manifestate dall’utente nell'ambito della navigazione in rete per migliorare la sua esperienza di navigazione e per inviare messaggi pubblicitari.

 

In base al soggetto che installa i cookie:

 

Cookie proprietari – Sono cookie trasmessi direttamente dal gestore del sito.

 

Cookie di terze parti – Sono cookie trasmessi da siti esterni tramite il sito. Un esempio di cookie gestiti da terze parti è rappresentato dalla presenza dei social plugin (per Facebook, Twitter, Google+), ossia di parti della pagina generate direttamente da siti esterni ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

 

La distinzione tra i due soggetti proprietari deve essere tenuta in debito conto al fine di individuare correttamente i rispettivi ruoli e le rispettive responsabilità con riferimento al rilascio dell'informativa e all'acquisizione del consenso degli utenti online. Il sito che ospita cookie di terze parti è da considerarsi un intermediario tecnico che deve informare gli utenti sulla presenza di tali cookie e dare opportune indicazioni su come gestirli.

 

In base alla durata:


Cookie di sessione – Sono cookie che al termine della sessione di navigazione, ossia alla chiusura del browser, scadono e normalmente sono eliminati. Generalmente sono cookie tecnici.

 

Cookie permanenti – Sono cookie persistiti sul terminale dell’utente successivamente alla chiusura della sessione del browser. Generalmente sono cookie di profilazione.

 

 

Cookie utilizzati dal sito

 

Cookie tecnici di navigazione di proprietà del sito.


Cookie di Google Analytics per un’analisi del traffico web: si tratta di cookie di terze parti (di Google) che vengono raccolti e gestiti in modo anonimo a fini statistici per monitorare e migliorare le prestazioni del sito. Per ulteriori informazioni si veda Google Privacy e Termini, mentre per disabilitare Google Analytics Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

 

Cookie relativi ai Google Fonts per l’utilizzo di librerie tipografiche messe a disposizione da Google. Per ulteriori informazioni si veda Google Privacy e Termini.

 

Cookie di Facebook, di Twitter, di Youtube, di Google+. Il sito utilizza social plugin o embedded content di tali siti che possono inviare cookie. Si tratta pertanto di cookie di terze parti: il nostro sito non può controllare direttamente questi cookie, invitiamo perciò a prendere visione della specifica informativa, rispettivamente, su https://www.facebook.com/help/cookies/https://twitter.com/privacy?lang=itGoogle Privacy e Termini.

 

 

Come modificare le preferenze del browser

 

L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. La maggior parte dei browser permette di impostare delle regole per gestire i cookie inviati solo da alcuni o da tutti i siti, opzione che offre agli utenti un controllo più preciso della privacy e di negare la possibilità di ricezione dei cookie stessi. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie sui principali browser:

Chrome

Firefox

Internet Explorer

Opera

Safari