a cura di Aldo Giannetti

La storia del nostro fazzoletto ha radici antiche, i primi prototipi portati al collo dai montonaioli, stando alle foto e alle cronache dell’epoca, risalgono addirittura al periodo a cavallo della seconda guerra mondiale. La povertà si faceva sentire, era necessario economizzare, perciò per risparmiare, venivano realizzati in forma triangolare, per lo più forma di triangolo isoscele e nei più disparati tipi di tessuti che si riusciva a reperire, in gran parte realizzati da alcune donne della contrada per i propri congiunti ed amici. In quel periodo ognuno cercava ritagli di stoffe colorate, realizzava il proprio, quasi tutti erano sprovvisti dello stemma, dato che la maggior parte non sapeva disegnare e dipingere ed anche perchè era assai difficile e costoso realizzarlo. Solo dopo qualche anno apparvero alcuni con un piccolo ovale giallo in cui era raffigurato l’animale araldico, dipinto nelle più svariate forme. Non tutti avevano la stessa misura, potevano essere rosa con bordo giallo oppure rosso e giallo con una striscia bianca a dividere e bordare i due colori principali. All’inizio dell’anno 1960, per evitare al massimo questa varietà di soggetti, molte contrade fecero realizzare, come accade anche tutt’oggi, un fazzoletto ufficiale uniformando il formato, la disposizione dei colori ed il disegno dello stemma.

Il mandato di bilancio n. 84 datato 10 agosto 1960 ci testimonia che la contrada fece realizzare trentatre fazzoletti in taffettà rosa al costo di lire 400 l’uno alla ditta di tessuti e confezioni Leo Tanganelli che aveva sede in Piazza del Campo 72 – angolo via del Porrione 1. 

Nel 1961 il secondo mandato n. 45 di lire 300 da dare al cassiere, ci ricorda la spesa da parte della contrada per la realizzazione di un berretto e un fazzoletto da dare in dono al Capitano Alfredo Pianigiani. Nel 1964, la spinta per la realizzazione definitiva per un fazzoletto ufficiale della contrada fu data dal On.do Priore Giovanni Margiacchi, dal Capitano Giovanni Cresti, con la collaborazione del camarlengo Giorgio Marzucchi e del fratello consigliere Aldo. Fu incaricato di eseguire alcuni bozzetti il professor Bruno Marzi, che già aveva realizzato per noi i costumi del corteo storico inaugurati nel 1955, e che in quegli anni dipingeva anche gli stemmi del montone per le bandiere in seta.

In breve tempo il pittore dopo i primi schizzi di studio, realizzò alcuni modelli in carta che furono portati in visione alla contrada. Molte titubanze, dubbi e varie discussioni in merito ai colori, animarono le serate in società, fu deciso infine dalla dirigenza di scegliere il fazzoletto color rosa. Il motivo principale che portò a questa decisione fu l’originalità e la diversità del colore rispetto a quello ufficiale del simbolo, infatti a differenza di quello delle altre sedici consorelle non prendeva il colore dalla bandiera, ma dal giubbetto del fantino.

La scelta cadde su di un modello semplice, lineare e gradevole, e dopo i primi momenti di perplessità fu accettato con entusiasmo da tutti i contradaioli. Un quadrato rosa, con il bordo a greca gialla che riprendeva il motivo della greca bianca riprodotta lungo il cannone della bandiera a fiamme del 1955, ai quattro angoli i tre stemmi in piccoli ovali delle nostre tre compagnie militari, ed un montone rampante coronato: era nato così il primo fazzoletto ufficiale della nostra contrada. Per l’incarico della realizzazione fu delegato il consigliere Aldo Marzucchi, in quanto lavorando in un antico setificio aveva elevata esperienza sui materiali e conoscenze su varie fabbriche del comasco. La produzione fu effettuata da una ditta specializzata in fazzoletti, sciarpe e tessuti, ubicata nella città di Como, ed il 23 dicembre 1964 un pacco con il materiale richiesto giunse in contrada, accompagnato da una nota si consegna dove si leggeva: ”Quantità n. 466 fazzoletti raso acetato satin, orlo a mano, disegno originale n° 4099, misura 80 X 80 al prezzo di lit. 800 per un totale di lit. 372.800”. Il 29 dicembre a seguire una lettera: “Saldo ordine 574, riteniamo abbiate regolarmente ricevuto i fazzoletti e che li abbiate riscontrati di vostro gradimento, alleghiamo la nostra fattura n. 96/ I”. Il nuovo fazzoletto fu venduto al prezzo di lire 1.200, furono consegnati n. 92 ai componenti il Consiglio Generale e n. 36 ad altri contradaioli con il protettorato speciale. Inoltre n. 8 furono spediti a personalità residenti fuori Siena, che in qualche maniera si ritennero degni di tale riconoscimento. I rimanenti furono posti in vendita presso l’economato della contrada. Nella successiva realizzazione, eseguita a breve tempo fu inserito nel disegno il cantone azzurro recante la lettera U di Umberto di Savoia, mancante nella prima produzione. Nel seggio del 22 gennaio 1993 l’On.do Priore informa che è allo studio una possibile modifica per la ristampa dei fazzoletti. Il modello pur restando fedele e conforme al quello del 1964, fu leggermente modificato con il disegno n° 9519 a sei colori, e per comodità ampliata anche la misura a 90 X 90. L’emblema raffigurante il Montone, ampliato ed in posa di carica, (come si suol dire nel senese, l’ariete biccia quando vuol prendere a cornate i suoi rivali), fu ripreso da quello ricamato sui costumi di piazza del 1981.

Leggermente ingranditi e posizionati in modo esatto i tre ovali delle compagnie militari con il Borgo Santa Maria recante l’immagine della Madonna alla destra dell’emblema, San Maurizio nell’angolo opposto e Sant’Angelo a Montone alla sinistra. Furono realizzati dalla nostra attuale fornitrice di seta di Grandate - Como, in due tipi di tessuto: un certo numero in poliestere acetato di seconda scelta ad un prezzo minore, ed una quantità diversa più pregiata in tessuto taffetas, crepe de chine, seta pura 100%, ad un prezzo leggermente più alto . Nel seggio del 2 aprile 1993 viene comunicato il ricevimento del prototipo del nuovo fazzoletto, costerà alla contrada Lire 28.600 e sarà pronto per la prossima Festa Titolare. Nell’Assemblea Generale del 28 aprile viene data comunicazione che per il giro annuale di domenica 2 maggio, presso l’economato, sarà pronto e disponibile alla vendita per tutti i contradaioli. Nell'anno 2011, il cliché era ormai quasi del tutto consumato e deteriorato ed alla sua nascita predisposto solo per pochi passaggi di colore. La Contrada ha così deciso che c'erano i presupposti per realizzarlo uno nuovo e nell'occasione di proporre un disegno dell'animale più corposo anziché piatto e di un unico colore come nel precedente. Il fazzoletto pur rimanendo conforme a quello presentato per la Festa Titolare del 1993 risulta modificato nell'emblema, nell'ultimo modello abbiamo voluto rendere il manto dell'animale più lanoso ed irsuto, dando l'incarico di ipotizzare la soluzione migliore al pittore Cesare Olmastroni il quale è riuscito a dare maggiore rilievo al vello del montone.

Il disegno è stato presentato al seggio del 22 novembre e successivamente approvato all'assemblea del 25. L'animale pur mantenendo gli stessi tratti originali nella figura del contorno, risulta nel manto più peloso, con lana ondulata in chiaroscuro. Per quanto riguarda i simboli delle tre compagnie militari, è stato ripreso il disegno di quelle raffigurate nel bandierone di rappresentanza dove nella pittura acquistano maggiore spessore, inoltre è stato deciso di mandare in pensione i vecchi esemplari fatti in acetato, utilizzando da ora in poi per i contradaioli solo quelli in cady di seta.

Questo rappresenta a tutt’oggi il disegno originale realizzato e prodotto dalla nostra contrada. Il fazzoletto è nato, ed è ancora considerato, un segno di appartenenza alla contrada; può essere realizzato anche da un contradaiolo con il tessuto che preferisce, pur rispettando sempre i colori e l’araldica ufficiale della contrada, come del resto accadeva quando vennero alla luce i primi esemplari e come accade tuttora per i tamburi, i distintivi, le coccarde o altri oggetti che, pur raffigurando l’appartenenza alla contrada, non ne sono il simbolo ufficiale. Tale considerazione è confermata anche dal fatto che quest’ultimi oggetti possono essere realizzati anche non direttamente dalla contrada e venduti al di fuori di essa, contrariamente a quanto accade per le bandiere che rappresentano il “simbolo” della contrada stessa.

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
5
6
7
8
9
10
12
13
14
15
16
17
19
20
21
22
23
24
26
27
28
29
30
31
Data : 31 Marzo 2017
  • Pochi Ma Boni news

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se accedi a qualunque elemento di questo sito acconsenti implicitamente all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sull’uso dei cookie

 

Nel rispetto della legge sulla Privacy, Art. 13 d.lgs. 196/2003 - Codice privacy, si informano i visitatori del nostro sito www.valdimontone.it sulle tipologie di cookie che vengono utilizzate, come deciso da provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" dell'8 maggio 2014 del Garante della Privacy.

 

 

Tipologie di cookie

 

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale, solitamente al browser. I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.

 

I cookie possono essere distinti in funzione del loro utilizzo:

 

Cookie tecnici – Sono cookie essenziali al corretto funzionamento del sito.Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, la gestione del profilo dell’utente, oppure di autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (permettendo, ad esempio, la gestione della lingua scelta per la navigazione) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

 

Cookie di profilazione – Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze manifestate dall’utente nell'ambito della navigazione in rete per migliorare la sua esperienza di navigazione e per inviare messaggi pubblicitari.

 

In base al soggetto che installa i cookie:

 

Cookie proprietari – Sono cookie trasmessi direttamente dal gestore del sito.

 

Cookie di terze parti – Sono cookie trasmessi da siti esterni tramite il sito. Un esempio di cookie gestiti da terze parti è rappresentato dalla presenza dei social plugin (per Facebook, Twitter, Google+), ossia di parti della pagina generate direttamente da siti esterni ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

 

La distinzione tra i due soggetti proprietari deve essere tenuta in debito conto al fine di individuare correttamente i rispettivi ruoli e le rispettive responsabilità con riferimento al rilascio dell'informativa e all'acquisizione del consenso degli utenti online. Il sito che ospita cookie di terze parti è da considerarsi un intermediario tecnico che deve informare gli utenti sulla presenza di tali cookie e dare opportune indicazioni su come gestirli.

 

In base alla durata:


Cookie di sessione – Sono cookie che al termine della sessione di navigazione, ossia alla chiusura del browser, scadono e normalmente sono eliminati. Generalmente sono cookie tecnici.

 

Cookie permanenti – Sono cookie persistiti sul terminale dell’utente successivamente alla chiusura della sessione del browser. Generalmente sono cookie di profilazione.

 

 

Cookie utilizzati dal sito

 

Cookie tecnici di navigazione di proprietà del sito.


Cookie di Google Analytics per un’analisi del traffico web: si tratta di cookie di terze parti (di Google) che vengono raccolti e gestiti in modo anonimo a fini statistici per monitorare e migliorare le prestazioni del sito. Per ulteriori informazioni si veda Google Privacy e Termini, mentre per disabilitare Google Analytics Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

 

Cookie relativi ai Google Fonts per l’utilizzo di librerie tipografiche messe a disposizione da Google. Per ulteriori informazioni si veda Google Privacy e Termini.

 

Cookie di Facebook, di Twitter, di Youtube, di Google+. Il sito utilizza social plugin o embedded content di tali siti che possono inviare cookie. Si tratta pertanto di cookie di terze parti: il nostro sito non può controllare direttamente questi cookie, invitiamo perciò a prendere visione della specifica informativa, rispettivamente, su https://www.facebook.com/help/cookies/https://twitter.com/privacy?lang=itGoogle Privacy e Termini.

 

 

Come modificare le preferenze del browser

 

L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. La maggior parte dei browser permette di impostare delle regole per gestire i cookie inviati solo da alcuni o da tutti i siti, opzione che offre agli utenti un controllo più preciso della privacy e di negare la possibilità di ricezione dei cookie stessi. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie sui principali browser:

Chrome

Firefox

Internet Explorer

Opera

Safari